Piccoli suggerimenti di lettura…

Archivio per la categoria ‘Letteratura francese’

Denis Diderot – La religiosa

la-religiosa

Conosciamo tutti il Diderot animatore dell’Illuminismo e padre dell’Enciclopedia. Ma l’intellettuale francese è pure l’autore di questo breve romanzo, noto anche con il titolo de La monaca. Nella storia di Susanna, giovane ragazza destinata alla vita claustrale, è facile rintracciare la critica di Diderot alla religione e alle sue forme esteriori. La ragione di stampo illuministico contro la religione vista come imposizione. Descrivendo la vita monastica attraverso gli occhi della protagonista, l’autore denuncia una realtà assai diffusa all’epoca, vale a dire quella della forzata reclusione in convento di giovani donne, spesso di nobili origini, ad opera di famiglie tese a mantenere il prestigio sociale del proprio casato. La vita in convento poteva garantire un consolidamento della posizione sociale delle ricche e nobili famiglie: in effetti è noto che superiore e badesse avevano grande influenza anche al di fuori delle mura dei monasteri. Ma il prezzo da pagare per raggiungere questo prestigio spesso era molto, troppo alto. Voleva dire perdere la propria libertà. La storia di Susanna ne è un esempio. La ragazza cerca in ogni modo di ribellarsi a ciò che le viene imposto e alla fine riuscirà nel suo intento, fuggendo e ricominciando una nuova vita. Leggendo La religiosa, però, non può sfuggire una considerazione: come non pensare all’episodio di Gertrude ne I promessi sposi? E allora il romanzo di Diderot può anche essere letto come un valido predecessore di uno dei capolavori della nostra letteratura.

Gustave Flaubert – Madame Bovary

madame-bovary

Romanzo realista, quello di Flaubert. Realista per ambientazione, realista per descrizione. Attraverso la storia di Emma, lo scrittore francese descrive efficacemente una realtà – quella borghese di metà Ottocento – piena di luci e ombre. Agiatezza economica da un lato, senso di noia e insofferenza per una vita sempre uguale a sé stessa dall’altro. Ed ecco che la mente sensibile cerca rifugio in una sorta di dimensione parallela che permetta il distacco da una realtà soffocante ai limiti dell’oppressione. Ma sogno e realtà molto raramente coincidono. Al contrario. Viaggiano lungo percorsi paralleli, spesso destinati a non incontrarsi mai. La scoperta della distanza incolmabile che li separa induce Emma alla disperazione nonché alla soluzione estrema. La storia infelice della sfortunata Madame Bovary può dunque essere letta come la raffigurazione di una volontà troppo debole che si scontra con un realtà ben diversa da quella che si desidera. Personaggio perfetto per una tragedia, Emma Bovary. Per un dramma da rappresentarsi sul palcoscenico della vita. 

Molière – Don Giovanni o Il convitato di pietra

don-giovanni

Parlare di un mito quale quello del “don Giovanni” è sempre interessante. Perché questo personaggio, a metà tra realtà e fantasia, ha ispirato da secoli i più insigni uomini di cultura di tutti i tempi, a partire da Tirso de Molina fino a Mozart e a Kierkegaard. Il Don Giovanni di Molière è stato più volte considerato come una delle tappe fondamentali nello sviluppo della mitologia legata all’ormai celeberrimo seduttore di Siviglia. Qui l’impenitente Don Giovanni, sprezzante di ogni pericolo arrecatogli dalla sua condotta non esemplare, persevera nel proprio credo sino alla fine, nonostante il fido servo Sganarello tenti più volte di convincere il padrone ad un seppur tardivo pentimento. Ed è proprio sulla figura del simpatico servo che Molière apre e chiude la commedia, garantendo alla stessa una perfetta circolarità. Ma Sganarello, personaggio comicamente irresistibile, è anche e soprattutto la “spalla” di Don Giovanni. Onnipresente, sembra quasi un alter ego del protagonista, un alter ego in chiave buffa. E qualcosa di buffo il servo porterà nel finale, mitigando con una vena di umorismo la tragedia del compimento del destino fatale del gran seduttore. Un’opera che fa sorridere, quella di Molière. Un piccolo gioiello.

Tag Cloud